Cessione dei crediti d’imposta per interventi di riqualificazione energetica e antisismica

La cessione dei crediti d’imposta riguarda anche i soggetti della no tax area

La cessione dei crediti d’imposta coinvolge il cedente, che cede il proprio diritto di riscossione del credito al cessionario, il quale potrà risquoterlo nei confronti del ceduto, ossia il debitore.

Al link puoi trovare maggiori informazioni generali sulla cessione del credito.

Le novità sul Bonus Ristrutturazioni (Eco e Sisma Bonus), che prevede detrazioni d’imposta per interventi di riqualificazione energetica e legati all’adozione di misure antisismiche di rilievo, vede l’assegnazione dei diritti di cessione dei crediti d’imposta ai soggetti condòmini (beneficiari delle detrazioni d’imposta per tali interventi) non tenuti al versamento dell’imosta sul reddito. Tali soggetti della no tax area (pensionati, dipendenti, autonomi), in luogo della detrazione dell’imposta lorda, potranno cedere i propri crediti, corrispondenti alle detrazioni beneficiate, a soggetti quali: i fornitori di beni e servizi che hanno realizzato gli interventi in oggetti, soggetti privati quali persone fisiche, esercenti attività di lavoro autonomo o d’impresa, società ed enti, i quali a loro volta possono cedere il credito ottenuto dai condòmini.
Attenzione! Non potranno essere cessionari, ovvero i soggetti coinvolti dai cedenti, istituti di credito, intermediari finanziari e amministrazioni pubbliche.

Tale aggiunta del Bonus Ristrutturazioni risulta vantaggiosa quindi non solo nei confronti dei soggetti contribuenti, ma anche a quelli non contribuenti, e si pone come incentivo ad investire insieme per la propria salute e sicurezza anche in ambito di condominio, rimettendo crediti d’imposta nell’indotto incaricato di realizzare i suddetti interventi.

Vedi tutti i dettagli della cessione consultando il pdf dell’Agenzia delle Entrate.

La cessione avviene o per delibera condominiale, previa comunicazione all’amministratore di condominio entro il 31 dicembre dell’anno dell’intervento, a partire dal 1 Gennaio 2017, fino al 31 Dicembre 2012. Sarà compito dell’amministratore presentare entro il 28 Febbraio dell’anno seguente tutti i dati relativi presso l’Agenzia delle Entrate.

Attualmente la procedura di assegnazione del credito è assodata solo nei confronti di chi deve consegnare il modello F24, il quale riceverà dall’Agenzia delle Entrate i codici tributari specifici. Per quanto riguarda chi non è tenuto a compilare il modello F24 (quelli nella no tax area) saranno a breve emanate le istruzioni necessarie.

Puoi trovare maggiori informazioni in merito alle tempistiche di fruizione del credito, che corrispondono alle rate di fruizione della detrazione, in questo articolo del Sole24Ore riguardante il Bonus ristrutturazioni anche per chi non ha redditi.

Annunci

Living small: da necessità a tendenza

Vivere in piccoli spazi: da necessità a tendenza

Sta diventano una vera e propria mania. Nata nelle grandi città orientali, e successivamente in quelle occidentali, l’abitudine di scegliere piccoli spazi abitativi – per cause evidentemente economiche, è diventata, grazie soprattutto al supporto dell’industria degli arredamenti, una vera e propria moda. Si, perchè senza il supporto di adeguate soluzioni ad alto contenuto tecnologico e di design, questa tendenza sarebbe rimasta solamente a un livello amatoriale, od artigianale, dove ciascuno avrebbe potuto applicare la propria soluzione al problema della mancanza di spazio improvvisando riutilizzi di elementi d’arredo, o autoproducendoseli, o semplicemente eliminandoli, in pieno stile minimal.
Non è escluso che finita questa lettura vi si aprano nuovi mondi, e non applichiate anche voi parte di queste soluzioni, o chissà, magari iniziate un cambio radicale nell’intendere la vostra abitazione!

Il mondo delle tiny houses

Ciascuna regione del mondo ha il suo approccio alla materia. Prendiamo gli americani: complice la crisi immobiliare, loro hanno sviluppato la filosofia ‘living big in tiny houses’ sulle case mobili, soluzioni tipiche per il ‘country living’ e per chi non ha le idee chiare sul proprio indirizzo di residenza.
Vivere in piccole case mobili può agevolmente sposarsi con la filosofia ecologica, ed ecco quindi le ‘Eco Tiny Houses’.

Parallelamente, hanno innovato, come anticipato sopra, anche nell’arredamento, definendo tali prodotti ‘mobili trasformanti’. In questo caso i sistemi letto a scomparsa diventano divani e mensole, i letti a castello diventano scrivanie, letti singoli diventano postazioni di lavoro in piedi, tutto in piena ottica ‘space saving’. Dimenticavamo, il design è italiano.

A guardare certe immagini tornano in mente i famosi ‘studiò’, soluzioni abitative rivolte agli studenti, che però in questo caso in pochi potrebbero permettersi. Allo stato attuale infatti vengono adottate da chi non è più così giovane, ma vuole continuare a vivere parte di quelle emozioni, spesso ad alto contenuto di design. A Soho, New York, c’è chi ha investito non poco nel proprio appartamento da 42 mq, trasformandolo in un ‘morphing apartment’, capace di contenere ben sei diverse soluzioni abitative al suo interno: cucina, soggiorno, camera da letto matrimoniale, per gli ospiti, servizi, studio. Come vedrete, in questo caso il segreto sta nello scivolare.

Passiamo al Giappone, dove per evitare tasse sui terreni di proprietà si scindono i lotti, andando ad edificare in fazzoletti di terra, dove la filosofia della vicinanza ha scalzato la l’idea oppressiva della piccolezza. Chissà se riusciremo mai a capirli!

Tra gli europei innamorati della cultura giapponese trasferitisi lì, c’è chi della propria situazione abitativa ha creato un’attività da blogger e youtuber, nel documentare le mirabolanti soluzioni per poter vivere ‘serenamente’ in uno spazio di 8 mq!

Non dimentichiamo che la lievitazione dei costi della vita nelle megalopoli giapponesi hanno fatto nascere in questa nazione ai nostri antipodi gli ormai rinomati Capsule Hotel, dove al posto della stanza, i clienti si dispongono ordinatamente all’interno di loculi prefabbricati, dotati di materasso ed eventuali upgrade a richiesta. Il prezzo a notte può arrivare a 32 euro!

Veniamo a noi: Europa, più precisamente Barcellona. L’architetto spagnolo Barbara Apolloni si ispira ovviamente al Giappone, e idea questo appartamento lego-style di 24 mq. Quando il suo proprietario se ne va di casa tutto scompare, cucina ed elettrodomestici compresi, letto incluso (sparendo sotto la terrazza!) La frase più ricorrente del proprietario? ‘There is a lot of space!’ Guardare per credere!

Passiamo a Parigi, precisamente Montparnasse, dove l’architetto Jérôme Vinçon ha voluto aiutare i suoi amici a trasformare questo spazio di 25 mq affianco al ristorante dove la coppia lavora in un appartamento di 4 piani, riuscendo a garantire a tre di questi la luce naturale fino all’estremità interna, attraverso un’alternanza di volumi e dotazioni che ricorda un misto tra la sottocoperta di una barca e le rampe della una scala di uno studentato. È proprio il luogo giusto dove potersi innamorare di ciascun centimetro quadro della propria casa.

Scarsità di spazi, abbondanza di prospettive

Siamo d’accordo, si tratta di casi estremi. Le soluzioni adottate da questi proprietari possono far sorridere, ma dall’altro lato possono anche affascinare, per lo sforzo nell’individuare le esatte soluzioni alle proprie esigenze, applicandole con precisione chirurgica ad uno spazio estremamente ristretto, dove poter vivere a proprio agio quotidianamente, senza farsi mancare nulla e magari risparmiando qualcosa per un bel viaggio in più all’anno!